Eventi e laboratori

- 2016
Ode al cannolo: il carnevale nella tradizione culinaria siciliana

sabato, 6 febbraio 2016, ore 18,30
Siamo lieti di invitarvi alla serata cultural gastronomica dedicata al Cannolo siciliano. A parlarci del dolce siciliano per eccellenza interverrà l'arch. Carmelo Celona, che farà un excursus storico del cannolo, l'evoluzione nelle sue forme e nei sapori, ci mostrerà le fasi della lavorazione della "buccia" e della ricotta, ci mostrerà foto d'epoca delle pasticcerie e pasticceri messinesi. 
Infine a sugellare in trionfo del CANNOLO interverrà il poeta vernacolare Mico della Boccetta che leggerà la sua poesia Ode al Cannolo.
Seguirà un aperitivo dai sapori carnevaleschi e infine tanti tanti e ancora tanti cannoli.
Vi aspettiamo sabato 6 febbraio 2016 ore 18:30 presso la Biblioteca Provinciale dei Frati Minori Cappuccini.
Poichè i posti sono limitati (max 50) per partecipare alla serata è necessaria la prenotazione da effettuare via email ( Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. ) oppure telefonando al numero 3274699353 entro e non oltre il 31 gennaio 2016.

Locandina

- 2015
Ci vediamo nel Settecento


7 febbraio 2015, ore 19:00


 L'Associazione Culturale Intervolumina è lieta di invitarVi alla serata "Ci vediamo ... nel Settecento" che si svolgerà giorno 7 febbraio 2015 presso la Biblioteca Provinciale dei Frati Minori Cappuccini a partire dalle ore 19:00.
La serata prevede un aperitivo di carattere storico-culturale sulla società del Settecento e una degustazione di piatti elaborati da trattati settecenteschi di cucina napoletana.
Aperitivo:
Federico Martino, Aspetti culturali della società messinese nel Settecento;
Carmelo Celona, Linguaggi architettonici e spazi urbani nel '700;
Rosaria Stracuzzi, La dispensa del Monastero di S. Gregorio e cultura
partenopea a confronto
Degustazione a sorpresa
Per partecipare alla serata, per motivi organizzativi, è previsto un contributo all'Associazione ed è necessario prenotare entro il 31 gennaio 2015.

Per ulteriori informazioni e per prenotare chiamate 3274699359, oppure inviate un'email a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
vedi locandina


- 2014

Bibliopride

28-30 ottobre 2014

Da Francesco a Francesco
vedi locandina dell'evento

- 2013

21 ottobre, ore 9,30-13,30
Il futuro delle biblioteche
Palacultura, viale Boccetta, Messina

AIB (sez. Sicilia), Regione Sicilia, Comune di Messina, Intervolumina
locandina

- 2012

 26-27 maggio
"Il linguaggio che anima e riaccende" - laboratorio di scrittura autobiografica e poetica
Biblioteca provinciale dei Padri Cappuccini (Messina)
a cura di Leonora Cupane*
sabato dalle 15 alle 20; domenica dalle 9.30 alle 13.30 e dalle 14.30 alle 18.30

Mentre nell’infanzia le parole sono vive, piene, vibranti, impregnate delle esperienze sensoriali del bambino, in età adulta questa vitalità si perde e la parola diventa spesso automatica e vuota, perfino quando gli eventi narranti sono cruciali e densi di significato, perché è importante come si narra, non solo che cosa: se il parlare è slegato da quel piacere di creare con le parole, risulta privo di desiderio, di corpo, e il racconto diventa inautentico, spoglio, vuoto. Solo se si ritrova la capacità di riassaporare le parole, percepirne la consistenza, il ritmo, la ricchezza delle sfumature, il linguaggio ridiventa creativo, trasformativo, curativo, in grado di stabilire nessi illuminanti fra aspetti di noi e del mondo. Questa è la funzione della poesia, in cui il senso è legato al ritmo e quindi al battito del cuore, al respiro, al passo: essa è “uno strumento autobiografico totale”, che reintegra corpo e mente restituendo dinamismo e vitalità alle nostre narrazioni. In questo laboratorio proveremo a “riaccendere” le parole scrivendo di noi a partire dalle memorie d’infanzia e trasformando gradualmente la prosa in versi, tramite esercitazioni individuali, a coppie e in terzetti, per sperimentare infine una suggestiva forma di poesia collettiva. Il gruppo di lavoro sarà strumento prezioso di reciproco ascolto, scambio e arricchimento.

  *Leonora Cupane è psicologa clinica e diplomata come esperta in metodologie autobiografiche alla Libera Università dell’Autobiografia di Anghiari, di cui è stata poi docente e collaboratrice scientifica. È un'appassionata studiosa di poesia terapia e si sta specializzando in psicoterapia della Gestalt. Vive a Palermo, dove lavora presso enti pubblici e privati come formatrice biografa e consulente psicologa, utilizzando in entrambi gli ambiti lo strumento della narrazione poetica di sé. Finora ha condotto percorsi formativi con adulti, adolescenti, bambini, anziani, insegnanti, operatori sociali e sanitari, malati oncologici, pazienti psichiatrici. Da alcuni anni tiene anche laboratori in giro per l’Italia. Ha pubblicato il saggio “Il corpo parlante. La poesia come cura autobiografica” in “Attraversare la cura”, a cura di Laura Formenti, Erickson 2008, e come curatrice, insieme a Tiziana Ciampolini, il volume “Piccolo lessico per l’ascolto”, EGA 2009.

11;25 febbraio; 3;17 marzo
"Belle addormentate" - laboratorio di lettura creativa
Biblioteca Provinciale dei Padri Cappuccini (Messina)
con Francesco Romeo (diplomato alla Scuola Holden di Torino)
Il laboratorio si svolgerà nei seguenti orari: 10-13; 15-17

Cos’è un corso di lettura creativa? Il sottotitolo lo abbiamo scelto per l’umile mossa di riprendere la formula collaudata dei “corsi di scrittura creativa” virandola  nel segno della lettura.
Il corso tratterà la lettura dapprima come quella finissima attività intellettuale che è, e in quanto tale “insegnabile” o almeno "contagiabile", e poi come vera e propria arte, e in quanto tale degna di essere contemplata da vicino. 
Il magnifico scrittore argentino J.L. Borges scrive che i lettori sono “cigni più rari e più preziosi degli scrittori” e poi inizia una sua bellissima poesia con questi versi: “Altri si vantino dei versi che hanno scritto, io mi glorio di quelli che ho letto”.
Leggere con destrezza e con profondità, leggere artisticamente, leggere nobilmente è quanto di più eletto si possa fare nell’orbita della letteratura. Derek Wallcott, conclude una delle sue poesie più pregevoli col verso: “devo imparare a leggere meglio”. 
Leggere meglio significa la scoperta dell’ordito sopraffino di un libro, avere accesso a tutte “le tesorerie del re”. Ci apposteremo nei pressi di libri decisivi nella storia della letteratura o nevralgici nell’epoca nostra per scrutare i procedimenti tecnici, le strategie di costruzione, le leggi costituzionali, il modus operandi dei principali scrittori. La nostra sarà un’indagine volta soprattutto a illuminare e celebrare i legami formali all’interno di un racconto, le figure madri, i metodi nascosti, i congegni più influenti con cui i grandi narratori conferiscono solidità, fascino e singolarità alle loro opere. 
Quello di cui ci incaricheremo rispetto alle opere sarà dunque un compito di conoscenza, di esperienza e di fantasia. E in più acquisteremo familiarità con un altro gesto pieno di grazia e spesso avvincente: la lettura ad alta voce e una conversazione su quanto letto ravvivata da segnali e indizi come quelli di una mappa del tesoro. La pratica di lettura, quanto al materiale adoperato, si articolerà in tre filoni diversi: si leggeranno racconti, frammenti di molti romanzi e una serie più organizzata di brani con i quali attraversare con salti e piroette il territorio di alcuni (3 o 4) romanzi dal principio alla fine.
Attraverso questo circuito di letture toccheremo i temi cruciali del mestiere letterario e del “genio della lettura”: inizi e finali; la premonizione; il dialogo; il personaggio; l’ironia; il principio oppositivo; la visualizzazione; il punto di vista; il genere; la struttura. 
Alterneremo la lettura di testi già consacrati (ma da una angolazione diversa dalle consuete) con la lettura di opere assai meno note e talvolta non “ratificate” dall’establishment letterario, eppure di grande e talvolta grandissimo valore

- 2010

Un aperitivo con Federico II

Notte della cultura. Messina. Febbraio 2010
Biblioteca provinciale dei Padri cappuccini di Messina

Dal sito "Intornoamessina":
Tra le molteplici attività proposte a Messina in occasione della Notte della Cultura da istituzioni ed associazioni varie si è certamente distinta, per originalità e spessore, quella promossa dall’associazione culturale Intervolumina e svoltasi nei locali della Biblioteca Provinciale dei Frati Cappuccini che, anche in questa occasione, si è confermato uno dei centri di maggiore vivacità della città. La manifestazione, dall’accattivante titolo Un aperitivo con Federico II: itinerario ideale tra arte e gastronomia, ha visto la partecipazione di un folto pubblico che ha plaudito con estrema soddisfazione all’iniziativa culinario-culturale, “gustandosela” da ogni punto di vista. Ad aprire la serata sono stati gli interventi degli storici dell’arte Giampaolo Chillè e Stefania Lanuzza che, anche in questa occasione, associando rigore scientifico e spirito di divulgazione, hanno fatto immergere gli spettatori nello straordinario clima della corte federiciana, relazionando delle magnifici castelli fatti innalzare dall’imperatore svevo e del lusso del quale questi si circondava. Un profilo dello Stupor Mundi, condito da numerosi e affascinanti aneddoti, è stato tracciato da Rina Stracuzzi che ha anche presentato il menù della serata, le cui pietanze sono state tratte da ricettari medievali. In pieno clima medievale e carnevalesco, abbigliate con raffinati costumi medievali – prestati dal Comune di Montalbano Elicona – alcune delle iscritte all’associazione Intervolumina hanno poi servito De leguminibus de cecis, De blan mangeri, Celatina di Carne, Torta di Re Manfredi, Scapece, Torta de herbe, Frittelle da imperatore magnifici e Omelette d’arance per ruffiani e prostitute. Che dire….tutto buonissimo…..e speriamo di potere fare presto il bis!!!

locandina

 

 

- 2009

27 novembre, ore 10
Il libro antico in biblioteca: catalogazione, conservazione e valorizzazione
V
II Giornata delle biblioteche siciliane - AIB regione Sicilia
Aula Magna, Università degli Studi di Messina (Piazza Pugliatti)
AIB (sez. Sicilia), Università degli studi di Messina, Intervolumina, G. Pappalardo (Misterbianco, CT), Target srl
vedi